Il Rosario a Maria che scioglie i nodi – un appuntamento quotidiano su Tv2000, la televisione della Conferenza Episcopale Italiana (Cei) – è diventato, in brevissimo tempo, un fenomeno mediatico senza precedenti, con ascolti in crescita anche all’estero. Talmente popolare da far accorrere nella chiesa in cui si recita, in Campania, centinaia di persone ogni giorno. Un modo privilegiato dalla Provvidenza per aiutare a pregare comunitariamente e, allo stesso tempo, far conoscere questa speciale devozione ad un pubblico sempre più grande di persone.

Un fenomeno senza precedenti
Un piccolo miracolo si rinnova, ogni sera alle 20, nella Chiesa di San Pietro Apostolo a Conca della Campania, un paesino di milleduecento abitanti, in provincia di Caserta. E da quel piccolo angolo d’Italia, riverbera in tutto il Paese e anche all’estero. Dal luglio 2017, data in cui Tv2000 – la televisione dei Vescovi italiani – ha deciso di mandare in onda la recita del Rosario davanti l’immagine di Maria che scioglie i nodi, centinaia di persone si recano fisicamente nella chiesa di San Pietro Apostolo per partecipare alla preghiera. Non solo. Migliaia di persone si sintonizzano sull’emittente italiana per pregare insieme. Con picchi d’ascolto crescenti anche in Europa, in particolare in Francia.

Un appuntamento quotidiano di preghiera comunitaria
Lo ha raccontato lo stesso parroco don Davide Volo ad una nota rivista italiana. “Già qualche giorno dopo l’inizio della trasmissione, sono cominciati ad arrivare i primi pellegrini. Avevano seguito il Rosario su Tv2000 e volevano venire a recitarlo personalmente nella nostra chiesa. Da quel momento il numero dei fedeli che arrivano a Conca per pregare davanti alla Madonna che scioglie i nodi è in costante aumento”. È così che don Davide ha assistito, incredulo, all’arrivo di pullman, anche sette-otto al giorno, pieni di pellegrini. “Arrivano da tutta la Campania – ha raccontato – ma anche dalla Puglia, dal Molise, dal Lazio, dall’Abruzzo, da città come Parma, Bologna, Treviso, Bergamo, e aumentano in modo visibile giorno dopo giorno. E portano anche molti malati e disabili”, oltre a “tossico-dipendenti e persone affette da depressione”.

“Maria conosce i nostri dolori e nelle sue mani affidiamo le nostre paure”
Padre Palmiro Delalio, il sacerdote della Diocesi di Brescia dell’Ordine degli Oblati di Maria Immacolata, che guida ogni sera su Tv2000 il Rosario a Maria che scioglie i nodi, tenta di spiegare il motivo di tale successo. “Maria è attenta alla nostra vita concreta. Come madre – lei che è madre di Dio – ha la possibilità di seguire ognuno. E ognuno di noi ha dei nodi, la lista sarebbe infinita”. Per questo i fedeli vogliono rivolgersi a lei, perché “Maria conosce i nostri dolori e nelle sue mani affidiamo le nostre paure”. Anche l’iconografia del dipinto, secondo Padre Delalio, aiuta i fedeli al raccoglimento e alla fiducia filiale. “Il volto di Maria nel quadro è di una tenerezza che lascia senza parole e la preghiera finale è un vero capolavoro”.

La programmazione del Rosario quotidiano di Tv2000, prosegue, ormai, con grande successo da un anno e mezzo. Solo ora, per Natale, la recita si è spostata temporaneamente a Lourdes. Ma a gennaio 2019 tornerà a Conca della Campania, da Maria che scioglie i nodi.

Firma: Daniele Sebastianelli, 19 Dicembre 2018
Conferenza Episcopale, Maria che scioglie i nodi, Preghiera, Rosario

Immagini: foto (Screenshot della recita del Rosario su Tv2000)

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *