Pregare la novena a Maria che Scioglie i Nodi una volta al mese, per nove mesi consecutivi, nella Chiesa di San Lorenzo in Piscibus, a Roma, in Vaticano, guidati da Mons. Guido Marini, maestro delle celebrazioni liturgiche pontificie. È l’idea che hanno avuto alcuni giovani del Centro Internazionale Giovanile San Lorenzo e che si è rivelata vincente, aggregando così numerosi giovani, singoli e coppie, da ogni parte di Roma.

L’idea di evangelizzare
“L’idea della novena l’ha avuta un amico e con un gruppo di ragazzi e ragazze si sono uniti per animare la preghiera” racconta Fabrizio, un giovane del Centro Internazionale Giovanile San Lorenzo. “È il terzo anno che si ripete ed è un momento intenso che raccoglie giovani provenienti da molte parrocchie”, segno che i problemi che toccano i giovani sono molti e che la fede aiuta a superarli e a crescere insieme. La Novena a Maria che Scioglie i Nodi, è anche un modo per evangelizzare il prossimo e, prosegue Fabrizio, “è una preghiera potente e particolare. Soprattutto perché mira a risolvere problemi molto intimi del cuore. Con l’ausilio della Madonna, la grazia di Dio e la cooperazione personale dell’orante, i benefici che riceviamo sono molti”.

Un posto speciale dove pregare
La chiesa è quella di San Lorenzo in Piscibus, di proprietà del Vaticano, a due passi da Piazza San Pietro, un antico luogo di culto risalente al VI secolo d.C e dedicato a San Lorenzo, il martire che, durante le invasioni barbariche, distribuì i beni della Chiesa ai poveri perché non cadessero nelle mani dei pagani. Nel 1983 divenne per volontà di Papa Giovanni Paolo II sede del Centro Internazionale Giovanile San Lorenzo. Da quel momento la chiesa, stretta tra i palazzi vaticani è diventata un punto di ritrovo per i ragazzi impegnati in diverse attività evangelizzatrici.

Una guida sicura: Mons. Marini
A presiedere la preghiera e le riflessioni c’è sempre stato, fin dall’inizio, mons. Guido Marini che – in un clima devoto e raccolto, animato da canzoni liturgiche discrete e tradizionali, come il Regina Coeli – introduce i giovani nella gioia dell’incontro con Gesù attraverso l’intercessione di Maria Vergine. All’inizio della preghiera ogni persona diligentemente pone in un cestino, ai piedi del quadro di Maria, un laccio annodato, a rappresentare i problemi della propria vita, le richieste intime e personali confidate alla madre di Dio. Successivamente si comincia la recita del Rosario, introdotto dalla meditazione del sacerdote.

L’affido a Maria della propria vita
“Pregare Maria con i giovani è importantissimo” ci ha confidato Fabrizio, “perché in questo mondo sempre più ostile alla fede e a Dio c’è bisogno dell’aiuto e della guida di Colei che ha amato e adorato per prima suo figlio Gesù, e ha accolto la Volontà del Padre in modo perfetto. Lei è la Mamma ed è sempre vicina a chi le si rivolge con confidenza, ma anche a chi non la ama affatto. In Maria molti giovani trovano la fedelissima compagna in questo pellegrinaggio terreno, una protezione, una via sicura. Cosi come è stato per me fin dalla mia infanzia”.

Daniele Sebastianelli, 4 maggio 2018

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

la novena a Maria che Scioglie i Nodi una volta al mese, per nove mesi consecutivi, nella Chiesa di San Lorenzo in Piscibus, a Roma, in Vaticano, guidati da Mons. Guido Marini
La novena a Maria che Scioglie i Nodi nella Chiesa di San Lorenzo in Piscibus, a Roma, in Vaticano, guidati da Mons. Guido Marini

 

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *